APPROFITTA DELLA PROMO DI MAGGIO: ISCRIVITI ADESSO!

blog

  • Home
  • >
  • Asana
  • >
  • I benefici di Uttanasana, la posizione delle mani sotto ai piedi

I benefici di Uttanasana, la posizione delle mani sotto ai piedi

Yoga Academy

Condividi

Indice dei contenuti

Uttanasana  è un intenso allungamento in avanti dai fantastici benefici psicofisici ed è considerata una delle migliori asana per combattere il mal di testa e i dolori alla schiena.

Se pratichi yoga già da un po’ di tempo, sicuramente hai già provato ad eseguirla poiché è una delle prime asana che si imparano quando si inizia a praticare.

È quindi perfetta anche se sei agli inizi perché ti aiuterà ad allungare i muscoli del tuo corpo e ti aiuterà a eseguire altre asana più complesse che prevedono un piegamento in avanti.

Vediamo allora come si pratica Uttanasana e quali benefici otterrai dalla sua pratica.

Cosa significa Uttanasana

Come le altre parole che indicano le asana, Uttanasana deriva dal sanscrito ed è formata da 3 parole:

  • Ut, che significa profondo
  • Tan, che significa allungamento
  • Asana, che significa posizione.

Uttanasana significa quindi “posizione di un profondo allungamento”.

Ed è proprio questo l’obiettivo di questa asana: donarti un profondo allungamento dei muscoli di tutto il corpo, soprattutto di gambe e schiena.

Come si pratica Uttanasana

La prima cosa da fare per praticare Uttanasana, come tutta la pratica dello yoga, quello di cui hai bisogno è il tuo tappetino di yoga e uno spazio tranquillo, lontano da ogni distrazione.

È sempre molto utile costruirsi un piccolo angolo sacro per la nostra pratica e la nostra meditazione, possibilmente lontano da mobili e oggetti contro i quali possiamo sbattere.

Puoi accendere anche dell’incenso o della musica rilassante. L’importante è spegnere tutti i dispositivi che potrebbero interrompere la tua pratica, come il telefono e la televisione.

Una volta che sei pronta, è arrivato il momento di iniziare la pratica! Ecco come eseguire Uttanasana.

  • Mettiti in piedi sul tappetino, nella posizione della montagna (Tadasana)
  • Inspira profondamente, alza le braccia e piega il busto in avanti
  • Cerca di toccare il tappetino con i palmi delle mani. Vai giù quanto possibile, senza però forzare la posizione
  • Se senti i muscoli delle cosce o della schiena che tirano troppo, allenta un po’ la posizione o piega leggermente le gambe
  • Non importa se non riesci a toccare il pavimento con le mani, l’importante è che allunghi la schiena. Puoi anche aiutarti mettendo le mani su dei blocchi yoga
  • Una volta che hai trovato il punto di equilibrio, pianta bene i piedi per terra e cerca di stendere le gambe o di mantenerle distese. Distribuisci il peso sull’intera pianta del piede e non solo sui talloni
  • Rimani in questa posizione per un po’, poi torna lentamente alla posizione iniziale, mantenendo la schiena sempre ben dritta. In questo modo i muscoli della schiena possono allungarsi e tonificarsi.

Anche se non è una posizione avanzata, ti consiglio di non forzarla per raggiungere subito la posizione finale.

Forzare le posizioni quando si pratica yoga significa solo riuscire a procurarsi dolori e strappi muscolari.

Come ripeto spesso, lo yoga non è mai un punto di arrivo ma un percorso. Arriva quindi alle Asana gradualmente, con costanza e pazienza, senza correre il rischio di farti male.

I benefici di Uttanasana

La pratica regolare e costante di Uttanasana può aiutarti a ottenere numerosi benefici psicofisici. Vediamo insieme i principali:

  • Calma la mente ed elimina lo stress
  • Distende e rafforza i muscoli di gambe, schiena, braccia e collo
  • Rafforza le ginocchia
  • Elimina il mal di testa e i dolori alla schiena
  • Ha un’ottima influenza sull’apparato digerente, stimolando lo stomaco, la milza, il fegato e i reni
  • Migliora la digestione
  • Favorisce il rilassamento e combatte i disturbi del sonno

Conclusioni

Come hai potuto vedere, nonostante Uttanasana sia una posizione base e quindi insegnata spesso ai principianti, questo non significa che sia una posizione semplice da eseguire.

Molto spesso, quando si inizia a praticare yoga, i nostri muscoli non sono abbastanza elastici e per questo è importante praticare sempre con regolarità e costanza, senza forzare mai le posizioni.

Con la pratica costante potrai affrontare via via Asana sempre più avanzate e ottenere tutti i benefici psicofisici che la pratica dello yoga può donarti.

Adesso lancio la palla a te.

Conoscevi già questa Asana? Quali benefici hai ottenuto con la sua pratica?

Fammelo sapere in un commento qua sotto!

Alla prossima 🙂

Namasté

Yoga Academy

Condividi

Pratica Yoga online con Yoga Academy

Inizia ora un percorso guidato con insegnanti qualificati .

Pratica Yoga
dove e quando vuoi

Con la scuola di Yoga pensata interamente per il web.

Chakra

I 7 chakra: quali sono, le caratteristiche, le schede e gli esercizi per equilibrarli

Probabilmente avrai già sentito parlare almeno una volta nella tua vita dei chakra. I 7 chakra sono infatti uno dei punti cardine nella filosofia dello

Respira e Apri il cuore

Respira e Apri il tuo Cuore

Approfondimento scritto da Valentina Errante, nuova insegnate di Hatha Vinyasa ispirato al Body Mind Flow Lo yoga ha guarito il mio cuore che si era

Sahasrara Chakra

Sahasrara Chakra: il settimo chakra o chakra della corona

Il Sahasrara è il chakra della liberazione, della conoscenza e della beatitudine. Non si trova nel corpo fisico, bensì al di sopra, sopra la testa.