Blog

18 Agosto 2022

Imparare a mettere confini

Yoga Academy

18 Agosto 2022

Tabella dei contenuti

Perché, pur sapendo quanto è importante creare dei confini, ci viene così difficile riuscirci?

Oggi voglio condividere con te ciò che è stato utile per me e che mi ha permesso di costruire confini sani, ovvero quei confini che aiutano a scoprire cosa vogliamo, che aiutano a concentrarci, a seguire la direzione che vogliamo prendere e i nostri obiettivi, a stare bene dentro e fuori.

Pronti per iniziare?

  • Conosci te stesso

Tutto comincia da qui! Sempre! 😊

Prova a guardare la tua agenda e tutte le cose che hai da fare nelle tue giornate: che sensazione ti dà guardarla? Prova a riflettere se là dentro c’è tutto quello che rispetta i tuoi obiettivi, la direzione che vuoi prendere, se c’è il tempo che vuoi prendere anche per te stesso.

E se l’agenda non rispetta i tuoi obiettivi, i sogni, le cose che vorresti raggiungere, fermati un istante e chiediti che cosa puoi eliminare. Quali modifiche puoi fare?

Ricorda che abbiamo sempre la possibilità di scegliere. Possiamo (quasi) sempre modificare e prendere delle decisioni diverse, decisioni più in linea con la nostra natura.

  • Impara a dire di no alle infinite possibilità

Anche io per un periodo della mia vita credevo di essere Wonder Woman e dicevo sì ad ogni proposta che ricevevo in ogni ambito, sia di piacere che di lavoro.

Continuavo ad accettare qualsiasi cosa muovendomi come una trottola senza mai fermarmi; poi, ad un certo punto, mi sono sentita davvero esausta e stressatissima, completamente sradicata.

La maggior parte di noi tende a voler compiacere gli altri e spesso, per questo motivo, può essere difficile rifiutare le opportunità o le richieste degli altri, ma imparare a dire di no e stabilire confini sani è davvero importante per il nostro benessere, credimi.

Mettere i confini imparando a dire di no, anche a quelle occasioni che sembrano da non perdere, mi ha portato tantissimo equilibrio.

  • Stabilisci delle priorità

Quali sono le tue priorità? Esplorale e dai valore al tuo tempo. Conosci i tuoi impegni e i tuoi desideri e prendi consapevolezza di quanto è prezioso il tuo tempo.

Sii onesto quando ammetti che non puoi o non vuoi fare qualcosa. Apertura, onestà e attenzione alla cura di sé sono importanti.

Anche se hai del tempo in più (che per molti è raro), un nuovo impegno è davvero il modo in cui vuoi trascorrere quel tempo? Che sia personale o professionale, traccia le tue priorità e diventerà tutto più chiaro.

Imparare a dire di no in questo caso è importante per occuparci di noi, prendere del tempo per ricaricarci, stare nella natura, dedicarci a lavori creativi, fare una passeggiata.

  • Impara a dire di no agli altri

L’interazione sociale e lo scambio di energia che comporta è un fattore determinante per il nostro benessere, ecco perché può essere utile parlare di confini anche nelle relazioni.

La nostra vita potrebbe essere riassunta, da una certa prospettiva, in uno scambio di energia costante con ciò che ci circonda.

In questa danza interattiva è facile essere influenzati dall’energia degli altri, che di per sé è una dinamica affascinante, ma quando si tratta di energia negativa e basse frequenze, può essere anche dannosa.

Qui diventa importante la selettività. Anche se questo suggerimento sembra ovvio, la realtà è che molte persone non lo utilizzano, eppure, quando ci muoviamo in un campo energetico “inquinato”, sarà difficile navigarci in mezzo senza assorbire una certa quantità di basse frequenze (pessimismo, tristezza, invidia, ecc.).

Quindi, la prima cosa è scegliere consapevolmente le persone con cui decidiamo di condividere spazi, tempo, esperienze.

  • Concentrati su una risposta emotiva equilibrata

Cercare di non farsi travolgere troppo dalle emozioni in certe situazioni è un modo di mettere i confini perché salvaguardia davvero noi stessi, il nostro benessere e la salute mentale.

Identifichiamo di chi sono le emozioni che viviamo. Quando l’emozione negativa prende il sopravvento, è importante identificarne la fonte. È nostra quell’emozione negativa o l’abbiamo presa da qualcun altro?

Se è di qualcun altro, dobbiamo riconoscerla come tale e lasciare andare il fardello. Se è nostra possiamo mettere una certa distanza tra noi e la negatività: usciamo, andiamo nella natura, facciamo una passeggiata, qualunque cosa per darci un po’ di spazio lontano dalla negatività.

A volte, tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono alcuni minuti per raggruppare i pensieri e ricordare a noi stessi che la negatività in generale e la negatività degli altri non è nostra, non ci appartiene.

  • Prendi coscienza delle parole che dici a te stesso

Osserviamo i mantra che diciamo a noi stessi. Durante i retreat parliamo spesso di questo argomento, di quanto siano potenti i mantra che ci ripetiamo ogni giorno.

Hai mai considerato il potere delle tue parole?

Quali sono i mantra che ripeti a te stesso? Li diresti mai a qualcuno a cui vuoi bene?

Ogni parola che diciamo ha un’energia in sé, che tu te ne renda conto o no. Per questo, è importante dedicare del tempo ad affermazioni positive, per esempio, con il tentativo di riformulare la negatività. (Non è sempre facile, lo so, e a volte rimaniamo intrappolati in storie verbali di caos, paura, dramma, giudizio e attacco).

Le parole che usiamo trasportano così tanta energia e così tanto potere, non solo per le altre persone, ma anche per noi stessi.

Sono simboli che rappresentano una vibrazione energetica e quando usiamo parole di basso livello, abbiamo esperienze di basso livello, anche se le intenzioni dietro sono buone.

Tutto questo è familiare per i praticanti di yoga quando si parla e si utilizza lo strumento prezioso dei mantra.

Quindi, per mettere i confini e avere un dialogo interiore positivo impariamo a scegliere le nostre parole in modo più saggio.

  • Pratica yoga e meditazione

Non potevo non citare l’importanza di questi strumenti.

Yoga e meditazione sono sicuramente modi per ricaricarci, per creare energia positiva, ma non solo: danno l’opportunità straordinaria di sintonizzarsi profondamente ai propri “sì” e ai “no”.

Il primo passo per imparare a stabilire confini sani è cercare di scoprire quali sono i tuoi limiti e le tue linee guida personali. Tutti abbiamo un senso dell’orientamento interiore, che intuitivamente ci dice quando qualcosa è un “sì” o un “no”. Il problema sorge quando ignoriamo quella voce interiore.

Se non sei abituato a sintonizzarti con il tuo intuito, è importante esercitarti proprio utilizzando strumenti come lo yoga e la meditazione, che aiutano a prestare attenzione ai tuoi pensieri e sentimenti nel momento presente.

Ti saluto con la proposta di un piccolo esercizio di journaling che puoi fare quando vuoi.

Prova a scrivere come vedi la tua vita fra 5 anni e come vorresti che fosse. Una volta che hai scritto, rifletti se stai già facendo qualcosa per arrivare ad essere quella persona e per vivere quella vita, rifletti su cosa dovresti evitare, cosa potresti non fare e cosa c’è adesso che ti allontana da quella realizzazione e chiediti: quali confini potrei mettere e creare per raggiungere quella versione di me?

Un abbraccio,

Denise

Yoga Academy

18 Agosto 2022

Topics

Share

Accedi a
Yoga Academy

Pratica dove e quando vuoi con la scuola di Yoga pensata interamente per il web.

Accedi a
Yoga Academy

Pratica dove e quando vuoi con la scuola di Yoga pensata interamente per il web.

Prossimi Eventi