APPROFITTA DELLA PROMO DI MAGGIO: ISCRIVITI ADESSO!

blog

Respira e Apri il tuo Cuore

Yoga Academy

Condividi

Indice dei contenuti

Approfondimento scritto da Valentina Errante, nuova insegnate di Hatha Vinyasa ispirato al Body Mind Flow

Lo yoga ha guarito il mio cuore che si era chiuso nelle sue paure dopo aver vissuto un grande trauma. La guarigione da un trauma ci invita a fare amicizia con il nostro corpo e questo deve avvenire a un ritmo che onori le nostre esigenze specifiche, sviluppando le risorse per gestire le emozioni difficili, i sintomi disturbanti e i ricordi angoscianti.

L’obiettivo è trovare il nostro terreno attraverso un senso di stabilità e sicurezza. Imparare a fidarsi dell’imprevedibilità e ad aprirsi alla vita.

Questa disciplina ha fatto sì che potessi abbandonare ogni peso alla terra, che ogni mia paura potesse essere nutrita per diventare coraggio e dai semi delle mie paure è ri-sbocciata la nuova me.

Ho ritrovato me stessa.

Ho ricominciato ad onorare il corpo che mi ospita, la mia anima che mi guida, a non restare nella staticità, ma a fluire con il flusso della vita, a lasciare il certo per andare verso il mio dharma.

Lo yoga che coccola i battiti del cuore

Nasce in India ma si pratica in tutto il mondo. Diversi studi hanno dimostrato gli effetti benefici dello yoga sul sistema cardiovascolare: i benefici dello yoga per il cuore derivano sostanzialmente dalla capacità della pratica di modulare il sistema nervoso vegetativo, determinando un potenziamento della componente parasimpatica.

Lo yoga ha effetti benefici su:

  • Ipertensione: riduce la pressione arteriosa in modo significativo in poco tempo, prevenendo o limitando l’insorgere dell’ipertensione. Questo avviene perchè esercizi di pranayama, asana e meditazione agiscono sul sistema neurovegetativo, riducendo l’attività del sistema nervoso simpatico e, allo stesso tempo, stimolano quella del sistema parasimpatico: il primo tende a far aumentare la frequenza del respiro e del battito cardiaco, mentre il secondo ha effetti opposti. Il risultato è un abbassamento della pressione e una rilassatezza generalizzata in tutto l’organismo.
  • Aterosclerosi: uno studio pubblicato su «Stroke» (la rivista scientifica dell’associazione dei cardiologi americani) ha valutato l’effetto della meditazione sullo spessore della parete della carotide: dai risultati è emerso che la meditazione, anche senza essere accompagnata da particolari cambiamenti nello stile di vita, è in grado di ridurre l’aterosclerosi.
  • Fibrillazione atriale: uno studio statunitense ha esaminato i vantaggi dello yoga sulla fibrillazione atriale. La ricerca ha coinvolto 49 pazienti tra i 25 e i 70 anni con battito cardiaco irregolare, che non hanno mai praticato lo yoga. I partecipanti sono stati seguiti per 6 mesi: nei primi tre potevano svolgere un’attività fisica a loro scelta, mentre nel restante periodo hanno praticato 3 sessioni di yoga alla settimana della durata di 45 minuti ciascuna. Dai risultati è emerso che, durante i mesi in cui hanno svolto yoga, gli episodi di aritmia si erano ridotti quasi della metà rispetto al periodo precedente e più di un paziente su cinque, nel periodo considerato, non aveva segnalato alcun episodio di fibrillazione. Inoltre, chi ha praticato la disciplina è risultato meno depresso e ansioso, ottenendo così un miglioramento della qualità della vita in generale.

Lo yoga può dunque essere considerato un utile strumento, non invasivo e privo di effetti collaterali, che permette di contrastare diverse problematiche legate alle patologie cardiovascolari.

Apri il tuo cuore

Cosa significa aprire il nostro cuore?

Quando il nostro cuore si apre, ci inseriamo nel flusso del dare e ricevere. Un cuore aperto ci può offrire esperienze di tenerezza, affetto e amore – verso noi stessi, verso altri individui e/o in relazione all’ambiente circostante e al pianeta in cui viviamo. Il cuore è il luogo dove risiede il sentimento o lo stato di pace interiore, è la bussola che ci dice se tutto va bene.

Come posso aprire il mio cuore?

Il nostro corpo è una struttura complessa con strati di corpi fisici, astrali e spirituali. Il corpo astrale o energetico è un sistema complesso governato da centri energetici noti come chakra. Anahata Chakra, chiamato anche Chakra del Cuore, è il quarto centro energetico dei sette chakra. Questo chakra è una componente essenziale del nostro benessere generale poiché ci aiuta a bilanciare le nostre emozioni, coltivare un senso più profondo di autocoscienza e costruire relazioni significative con gli altri.

Che cos’è il chakra del cuore?

È il ponte tra i chakra inferiori e superiori, bilancia il mondo materiale e quello spirituale e facilita il nostro benessere emotivo e fisico. L’amore puro apre il quarto chakra, permettendoci di ricevere e dare amore incondizionatamente.

Qual è il significato di Anahata Chakra?

In sanscrito, Anahata significa “non percosso”: suono ininterrotto o infinito, indica l’amore nella sua forma più pura senza alcun attaccamento o aspettativa.

Dove si trova il chakra del cuore?

Si trova al centro del nostro petto, vicino al nostro cuore fisico.

Qual è la responsabilità del chakra del cuore?

Responsabile dell’immagazzinamento e della distribuzione del Prana, l’energia della forza vitale che scorre attraverso i nostri corpi, e del mantenimento dell’elemento Aria nel nostro sistema. Situato al centro del nostro petto, vicino al nostro cuore fisico, il Chakra del Cuore è strettamente connesso con il cuore, i polmoni e la ghiandola del timo, regolando il flusso di energia in quest’area del corpo.

Caratteristiche del chakra del cuore

Il simbolo del chakra del cuore è composto da:

  • 12 petali, che simboleggiano i 12 suoni che possono provenire dalla rotazione del chakra
  • Colore verde, il riflesso di una combinazione di fuoco dal basso e cielo dall’alto
  • Due triangoli che rappresentano le dualità
  • Semi mantra Yam al centro.

L’elemento è l’Aria o Vayu. Otteniamo aria dall’atmosfera quando respiriamo. Se non rinfreschiamo regolarmente l’elemento aria, ci sentiamo stanchi e disconnessi dalle nostre emozioni e dal nostro spirito creativo. L’elemento aria è anche associato al nostro equilibrio emotivo e al senso di gioia nella vita.
Quindi, quando rinfreschiamo l’elemento, la nostra creatività e le nostre emozioni sono in armonia.

L’elemento non ha colore proprio, ma il colore blu dell’elemento spazio dall’alto e il giallo dell’elemento fuoco sottostante si riflettono su di esso, creando il colore Verde.
Questo è il motivo per cui il colore del Chakra del Cuore è verde. Il colore verde di Anahata è associato alla natura e alla tenerezza. Suggerisce anche stabilità e rappresenta la crescita e relazioni rinnovate e sane.

Il Prana associato al chakra del cuore è “Prana Vayu”. Conosciuto come il Prana della vita, si muove verso l’interno, governa la respirazione e l’assorbimento, permettendoci di assorbire qualsiasi cosa, dall’aria e dal cibo, dalle impressioni alle idee. Fornisce energia propulsiva, velocità, motivazione, vitalità e l’energia di base che ci guida nella vita.

Questa aria vitale assicura che il cuore continui sempre a battere. A un livello più sottile, dà una maggiore sensibilità sia ai sensi esterni che alla consapevolezza interiore; ci permette di vedere il mondo in tutto il suo potenziale e di ancorare la nostra attenzione interiore in un luogo di contentezza. Ci dà l’aspirazione per il nostro sviluppo spirituale. È associato alle emozioni primarie dell’Amore Incondizionato.

Quando questo centro energetico è in equilibrio, sperimentiamo l’amore incondizionato nella sua forma più pura. Questo è il tipo di amore che proviamo per ogni essere allo stesso modo e senza alcuna condizione, indipendentemente dal nostro rapporto con loro o con la loro specie.

Cosa succede quando il chakra del cuore è equilibrato e attivo?

Può manifestarsi come pace interiore, compassione ed equilibrio emotivo. Alcuni dei più comuni sintomi del chakra del cuore aperto includono:

  • Provare amore e rispetto incondizionati per se stessi e per gli altri
  • Avere relazioni sane senza attaccamenti o dipendenze
  • Sperimentare la pace e la gioia, indipendentemente dalle condizioni esterne
  • Fidarsi e sentirsi a proprio agio con la vulnerabilità
  • Sano funzionamento degli organi connessi a questo chakra.

Che cosa succede quando il chakra del cuore è bloccato?

Può condurre a sentimenti di solitudine, isolamento e incapacità di connettersi con se stessi e con gli altri. Le persone possono trovare difficile fidarsi o condividere i propri sentimenti con gli altri:

  • Paura del rifiuto
  • Mancanza di fiducia
  • Problemi con il dare e ricevere affetto
  • Eccessiva dipendenza in una relazione
  • Aspetto duro e privo di emozioni mentre ci si sente vulnerabili
  • Sintomi fisici come palpitazioni cardiache, cattiva circolazione sanguigna, dolori cardiaci, angina o persino problemi come l’asma.

Affermazioni

  • Mi amo e mi accetto profondamente e completamente.
  • Il mio cuore è aperto a dare amore.
  • Mi perdono.
  • Vivo in uno stato di grazia e gratitudine.
  • Apprezzo l’amore al di sopra dell’attaccamento.
  • Sono degno di amore.
  • Amo tutti gli esseri allo stesso modo.
  • Sono in armonia con me stesso e con gli altri.

“Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono liberato di tutto ciò che non mi faceva del bene: cibi, persone, cose, situazioni e da tutto ciò che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso. All’inizio lo chiamavo “sano egoismo” , ma oggi so che questo è Amore di Sé.” – Charlie Chaplin

Yoga Academy

Condividi

Pratica Yoga online con Yoga Academy

Inizia ora un percorso guidato con insegnanti qualificati .

Pratica Yoga
dove e quando vuoi

Con la scuola di Yoga pensata interamente per il web.

Emozioni-scomode-in-meditazione

Emozioni scomode durante la meditazione? Ecco come trasformarle in opportunità di crescita

La meditazione è spesso idealizzata e vista come un’esperienza pacifica e serena. Questo è vero, ma non è soltanto così. Per molti praticanti, può portare

manipura chakra

Manipura, il terzo chakra: cosa è, come equilibrarlo e perché è importante

Dopo aver parlato dei primi due chakra, Muladhara e Svadhisthana, oggi voglio parlarti del terzo, Manipura Chakra. Il chakra del plesso solare che è collegato

Chakra

I 7 chakra: quali sono, le caratteristiche, le schede e gli esercizi per equilibrarli

Probabilmente avrai già sentito parlare almeno una volta nella tua vita dei chakra. I 7 chakra sono infatti uno dei punti cardine nella filosofia dello