APPROFITTA DELLA PROMO DI MAGGIO: ISCRIVITI ADESSO!

blog

La forza delle pause: riscoprire la motivazione e l’importanza della costanza nello yoga

Yoga Academy

Condividi

Indice dei contenuti

Lo yoga, come già sappiamo, è molto più di una serie di asana, è un percorso verso il benessere globale per sviluppare forza fisica, flessibilità mentale e crescita spirituale.

Ma come in ogni viaggio, a volte si incontrano degli ostacoli lungo la strada.

Uno dei problemi più comuni che i praticanti di ogni livello si trovano ad affrontare è la perdita di motivazione e di costanza nella pratica. È qui che entra in gioco una rivalutazione delle pause e il valore di questi momenti.

La forza delle pause

Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, prendere una pausa non significa rinunciare definitivamente a qualcosa. Nel caso dello yoga, a volte, significa riconoscere i propri limiti, ascoltare il proprio corpo e dare a mente e spirito il tempo di assorbire gli effetti benefici della pratica.

Una pausa può essere un momento di introspezione e di riconnessione con se stessi a un livello più profondo, un’opportunità per fare il punto della situazione, riconoscere i progressi fatti e riflettere su dove si vuole andare.

Durante una pausa possiamo anche riflettere sulle ragioni per cui abbiamo scelto di praticare yoga, sulla nostra evoluzione personale e sui cambiamenti che abbiamo osservato in noi stessi da quando abbiamo iniziato il nostro viaggio in questo mondo.

Riscoprire la motivazione

La pausa è anche un momento per riscoprire la propria motivazione e ritrovare la passione per la pratica che, talvolta, è sopraffatta da routine piene di impegni.

È anche naturale che con il passare del tempo la passione iniziale possa sfumare; a volte la pratica può sembrare monotona e il progresso troppo lento. Ma proviamo a ricordarci anche in queste occasioni perché abbiamo iniziato a praticare yoga: forse per trovare un momento di pace nella frenesia della vita quotidiana, per migliorare la nostra salute fisica e mentale, per scoprire chi siamo o per cercare un senso di appartenenza a una community.

Durante il tempo che dedichiamo alle pause possiamo riconnetterci con queste motivazioni iniziali e proprio nella sosta potremmo anche scoprire nuovi motivi per ricominciare e continuare la pratica con rinnovata passione.

L’importanza della costanza

Nonostante le pause siano importanti, la costanza è un aspetto fondamentale nello yoga, ci tengo sempre a sottolinearlo! La pratica regolare non solo mantiene il corpo agile e forte, ma aiuta anche a rafforzare la mente e a creare equilibrio interiore nel lungo periodo.

Costanza, però, non significa praticare senza sosta. Significa piuttosto stabilire un ritmo che si adatta al proprio stile di vita e ai propri bisogni. Per qualcuno può significare praticare tutti i giorni per dieci minuti o dedicare un’ora al giorno un paio di volte a settimana.

Inoltre, per costanza non si intende solo la frequenza con cui pratichiamo, ma anche la nostra dedizione e il nostro impegno a mantenere una pratica regolare nonostante le sfide che potrebbero presentarsi.

Per questo è molto importante provare a fare sempre un piccolo sforzo per ritornare sul tappetino, anche dopo le pause e ricordarci che anche quando non ne abbiamo voglia, quando siamo stanchi o quando ci sentiamo sopraffatti dalla vita, è in questi momenti che la pratica può essere più utile perché ci aiuta a riconnetterci con noi stessi, a calmare la mente e a ridurre lo stress.

Conclusione

In definitiva, è vero che la costanza è un ingrediente importantissimo, ma anche nelle pause si cela grande forza. Entrambi gli elementi sono fondamentali nello yoga.

Quindi, la prossima volta che ti senti sopraffatto o demotivato, ricorda che una pausa può essere proprio ciò di cui hai bisogno. Usa quel tempo per ricaricare le tue energie, riconnetterti con le tue motivazioni e riflettere sui tuoi progressi.

Poi, quando sei pronto, ritorna sul tappetino con rinnovato entusiasmo.

Ricorda, lo yoga non è una gara, ma un viaggio. Non importa quanto velocemente avanziamo, ma quanto profondamente andiamo. Prenditi il tuo tempo, ascolta il tuo corpo e la tua mente e goditi il percorso.

Come dice una citazione famosa: “nello yoga non è importante toccarsi le dita dei piedi, ma ciò che impari lungo la strada per arrivare lì“.

Continua a respirare, continua a muoverti, continua a crescere. Quando senti il bisogno fai una pausa, rilassati e riscopri la tua motivazione, la tua pratica di yoga sarà ancora più forte e più profonda.

Yoga Academy

Condividi

Pratica Yoga online con Yoga Academy

Inizia ora un percorso guidato con insegnanti qualificati .

Pratica Yoga
dove e quando vuoi

Con la scuola di Yoga pensata interamente per il web.

chakra del cuore

Il quarto chakra: cosa è e come attivare il Chakra del cuore Anahata

Oggi voglio parlarti del quarto chakra, Anahata, ovvero il chakra del cuore. Essendo in totale sette chakra, il quarto si trova nella posizione più centrale

Emozioni-scomode-in-meditazione

Emozioni scomode durante la meditazione? Ecco come trasformarle in opportunità di crescita

La meditazione è spesso idealizzata e vista come un’esperienza pacifica e serena. Questo è vero, ma non è soltanto così. Per molti praticanti, può portare

manipura chakra

Manipura, il terzo chakra: cosa è, come equilibrarlo e perché è importante

Dopo aver parlato dei primi due chakra, Muladhara e Svadhisthana, oggi voglio parlarti del terzo, Manipura Chakra. Il chakra del plesso solare che è collegato